Papà Gambalunga

Jerusha Abbott è l’orfana più anziana nella casa di John Grier, fino a quando un misterioso benefattore decide di mandarla al college per essere istruita come scrittrice. Richiesto di scrivergli una lettera una volta al mese, la ragazza non dovrà mai conoscere l’identità dell’uomo, così Jerusha ne inventa una per lui: Papà Gambalunga. Sebbene sappia che non risponderà mai alle sue lettere, si affeziona sempre più a questo “vecchio” signore sfuggente e gentile. Ma presto un’altra relazione inizia a svilupparsi nella vita di Jerusha. Jervis Pendleton è il giovane e benestante zio di una dei coinquilini di Jerusha: egli la introduce in un mondo di letteratura, viaggi e avventura. Attraverso la sua corrispondenza con suo “Papà” e la sua crescente intimità con Jervis, le lettere di Jerusha raccontano la sua nascita e crescita come “New American Woman”, una donna che giorno dopo giorno conquista la sua posizione, finalmente indipendente nel mondo moderno.

“Papà Gambalunga” offre uno sguardo divertente agli usi e costumi di un’altra epoca e “Chi è di Scena” strizza l’occhio col suo tipico linguaggio cinematografico a codici narrativi come “Downtown Abbey”. Uno spettacolo musicale (disponibile anche con musicisti dal vivo) raffinato e delicato, che racconta la purezza e genuinità di una storia d’amore di inizio secolo scorso, facendo riscoprire al pubblico la felicità delle piccole cose.

Nulla dovrebbe essere fatto per dovere, ma solo per amore.

 

Questa produzione è presentata previo accordo con “Music Theatre International”. Tutti i materiali di performance autorizzati sono forniti da MTI.

Traduzione italiana e regia: Mariasole Fornarelli

Liriche: Michele Renzullo

Produzione: “Chi è di Scena” (in collaborazione con Compagnia Della Rancia)

Go to Top